fbpx

L’analisi aziendale: punti di forza e criticità di un’impresa

By 27 Febbraio 2021Marzo 2nd, 2021Blog

Con il termine “analisi” si intende un metodo di ricerca basato sulla scomposizione di un oggetto nelle sue parti costituenti, per poi descrivere tali parti e le loro relazioni col tutto. L’analisi aziendale è uno strumento utile per capire punti di forza e criticità di un’impresa.

Tali analisi vengono effettuate attraverso uno studio accurato del caso, sviluppato in base ad una precisa tecnologia amministrativa ed un ottima consulenza direzionale. La misurazione dei risultati aziendali , attraverso anche l’ausilio di una pianificazione strategica aziendale permette di acquisire una visione approfondita della tua impresa e di ottimizzare ogni processo interno.

Ogni impresa dovrebbe avere la possibilità di dotarsi di strumenti di controllo di gestione.

E’ infatti molto importante possedere un pieno controllo della propria attività, in tempo reale, per poter performare al meglio. Il cruscotto aziendale è una metodologia disegnata appositamente per ogni singola attività a seguito di un attento lavoro di analisi aziendale. Attraverso l’ analisi finanziaria, gestionale, economica e fiscale di un’azienda è possibile predisporre un “check up” aziendale e il cruscotto è la conseguenza pratica per migliorare le performance d’impresa.
Fanno parte dell’analisi azienda tutta una serie di fattori che vengono sottoposti al vaglio dei consulenti, che hanno il compito di migliorare le performance dell’impresa al fine di avere la situazione nel suo complesso sotto controllo, tra cui l’analisi del contesto aziendale, l’analisi swot e molto altro.

INDICE
1. Come si svolge un’analisi aziendale
2. Rilevazione delle criticità
3. L’analisi SWOT azienda
3. Piano d’azione
4. Trasferimento know-how
5. Conclusioni

 

 

Come si svolge un’analisi aziendale

L’analisi aziendale avviene utilizzando un adeguata metodologia. Esistono infatti delle fasi che si susseguono in ordine cronologico: la mancanza di una di queste comporta l’impossibilità di proseguire.
Solo attraverso una conoscenza completa di tutte le dinamiche e solo dopo aver analizzato i dati a disposizione è possibile proporre una strategia vincente. Andiamo ad esaminare ora, uno per uno, i punti principali di una corretta analisi aziendale.

 

 

Rilevazione delle criticità

Il primo passo da fare che opera un buon consulente direzionale è recarsi in un sopralluogo dell’azienda per individuare gli obiettivi che l’imprenditore e l’impresa stessa stanno perseguendo in quel momento. Questo avviene attraverso un colloquio con i titolari e gli amministrativi. Il colloquio potrebbe riservare delle sorprese: a volte gli imprenditori, presi dalla produzione quotidiana, non si soffermano a pesare tutte quelle diseconomie e incidenze dovute alle banche, al fisco, etc.
Con il colloquio si definisce un percorso e una direzione da raggiungere.

Il secondo passo è quello di procedere alla rilevazione delle criticità, che possono essere di diverse tipologie: produttive, finanziarie, fiscali, gestionali o relative ai dipendenti.

 

 

L’analisi SWOT azienda

Dell’analisi aziendale fa parte anche l’analisi SWOT.
L’acronimo Swot sta per strenghts (forze), weakness (debolezze), opportunities (opportunità) e threats (minacce). L’università di Stanford sviluppò questa analisi negli anni ’60.
Si tratta di una metodologia molto efficace per rilevare quindi tutte le caratteristiche salienti di un’impresa.

 

 

Piano di azione

Una volta rilevate le criticità e definiti i punti di forza e di debolezza, i consulenti passano al piano d’azione dell’analisi aziendale ed ad una corretta valutazione della gestione amministrativa aziendale.

In base agli obiettivi definiti, questi possono consistere in una serie di modifiche strutturali, gestionali o di processi decisionali, tutte volte ovviamente al raggiungimento dell’obiettivo, all’eliminazione delle criticità e al miglioramento degli standard. I costi e i ricavi vengono analizzati per trovare trend significativi, e viene stilato un report che include tutte le azioni intraprese per migliorare l’andamento degli affari.

Spesso l’imprenditore è si consapevole delle proprie criticità, ma non del loro peso effettivo sull’azienda.

 

 

Trasferimento know-how

L’analisi aziendale si conclude con il trasferimento del know-how strategico all’imprenditore e al suo team.

Grazie a questo passaggio di conoscenze l’imprenditore sarà in grado di proseguire con una metodologia controllata, evitando completamente alcuni errori o correggendosi in tempo reale senza subire gravi effetti collaterali. La formazione di una vera e propria cultura aziendale è la chiave per un miglioramento costante dei propri standard. Questa fase di formazione comprende un confronto tra i consulenti e i clienti.
Una corretta analisi aziendale prevede inoltre una meticolosa attenzione all’analisi dei costi.

L’analisi dei costi è un procedimento di studio contabile utile per massimizzare l’efficienza dell’amministrazione delle risorse a disposizione di un’azienda. Questo tipo di procedimento di studio è valido per ogni tipo di azienda, nessuna eccezione per le imprese turistiche, le quali necessitano di strumenti per il monitoraggio dell’impiego e della redditività di tutti i fattori produttivi utilizzati. La corretta conduzione delle operazioni di gestione comporta un processo continuo di decisioni, e le decisioni richiedono un flusso continuo di informazioni, principalmente riguardo le grandezze di Costi e Ricavi.

Il costante monitoraggio dei costi permette di tenere perennemente sotto controllo lo stato di salute dell’azienda e soprattutto di allocare sapientemente le risorse a disposizione.

Per poter amministrare i costi al meglio, bisogna conoscerne la classificazione, la quale si basa su criteri diversi a seconda dello scopo dell’analisi: ad esempio, se si è interessati a comprendere la curva di utilità e il ciclo di vita di un determinato fattore produttivo, catalogare i costi in base al loro comportamento nel tempo (breve periodo e lungo periodo) può essere d’aiuto. La classificazione varia anche a seconda della tipologia di azienda che li produce e li sostiene: nel caso di un ristorante, particolarmente significativa è la distinzione tra costi fissi e costi variabili, ad esempio.

 

 

Conclusioni

Hai bisogno di una guida sicura per un’analisi aziendale approfondita?

About Consulting è una società di consulenza aziendale costituita da Professionisti che hanno maturato significative esperienze come Imprenditori, Manager o Consulenti. Abbiamo trattato con successo circa 2.500 casi di riorganizzazione nell’ambito della Piccola e Media Impresa in Italia e all’estero.

CONTATTACI ORA

Altri approfondimenti: